Mesopotamia

Con il termine Mesopotamia i Greci intendevano la zona settentrionale che si estende tra il Tigri e l’Eufrate. Con il tempo l’uso di questa definizione divenne di più ampio respiro, fino a comprendere anche le zone limitrofe. Oggi possiamo impropriamente definirne i confini indicandoli con la catena dei monti Zagros a est, quella del Tauro a nord, steppe e deserti a ovest e sud-ovest e, infine, il Golfo Persico a sud (la zona paludosa dello Shatt al-‘Arab). Nella suddivisione territoriale odierna corrisponde ai territori dell’Iraq, e a parte di territori di Turchia, Siria, Iran, Arabia Saudita e Kuwait. La regione era considerata uno dei corni della mezzaluna fertile e vi si trovavano, allo stato selvatico, quelli che sarebbero diventati gli alimenti base della dieta dell’uomo nell’antichità: cereali, leguminose, ovini e bovini.